Dati e cenni storici


Comune di Castelletto d'Erro

Abitanti: 149 (31-12-2018)
Denominazione: castellettesi
Superficie: 4,71 km²
Comuni limitrofi: Bistagno, Cartosio, Melazzo, Montechiaro d'Acqui, Ponti
Email: castelletto.derro@pec.it
comune.castellettoderro@gmail.com
Sede Municipio: Via Roma, 10
CAP: 15010
Festa Patronale: Sant’Anna (3^ domenica di luglio)




E' una delle vette dell’alto Monferrato a ridosso delle Langhe con la sua torre di guardia della Valle Erro in direzione di Acqui.

Il panorama è eccezionale: accompagnati dalle fragranze di pesche e fragole, glorie gastronomiche del paese, dalla bontà di piccoli frutti e dai profumi delle erbe officinali, dalla delizia di formaggi di capre e pecore, cogliamo con un solo colpo d'occhio tutto il territorio. Lo sguardo spazia all'infinito dalle Langhe di Roccaverano all'Appennino ligure alla pianura alessandrina, con, sullo sfondo, la chiostra alpina dal Monviso ai monti lombardi.


Da visitare:

Torre: Il complesso fortificato con una torre a base quadrata, con classico coronamento sommitale ad archetti ciechi e porta di ingresso sopraelevata, con qualche resto di mura e torrette laterali rotonde utilizzate esclusivamente per scopi militari. Dal prato circostante, amplissimo panorama su tutto l'Acquese.

Parrocchiale dell'Annunziata: La chiesa parrocchiale, dedicata all'Annunziata, risale nelle sue forme originarie al tardo Rinascimento, ma ha subito numerose modifiche e ristrutturazioni. All'interno possiede vari dipinti attribuiti al ponzonese Pietro Ivaldi, detto "Il Muto", pittore ottocentesco di maniera molto attivo in zona.

Chiesetta di Sant'Onorato: La chiesetta di Sant'Onorato, sulla strada che scende a Melazzo, la più antica del paese: di semplici forme con abside rettangolare, conserva all'interno tracce di affreschi cinquecenteschi raffiguranti un martire in vesti di soldato romano. 
Sulla collina di fronte si trova il castelliere della "Tinazza", già in comune di Melazzo ma appartenente al medesimo complesso difensivo di Castelletto; ormai in stato di avanzato degrado, è una interessante testimonianza di architettura militare del tardo medioevo.



Cenni storici:
(Luca Giana, Schede storico territoriali dei Comuni del Piemonte)

Nelle fonti di età medievale il toponimo è molto spesso presentato senza maggiori qualificazioni geografiche (“Castelletum”, es. B. S. S. S. 39, doc. 6 del 1080); questo fatto rende molto spesso difficile una precisa identificazione con la località interessata e, di conseguenza, l’acquisizione di notizie a riguardo. Forse la si può identificare con “Castelletum aquensis” (cfr. Savio 1967, 3 vol.). Fino alla fine del XIX secolo si trova la forma Castelletto Valderro.

Nel 1327, il vescovo di Acqui approva l’acquisto delle decime di Castelletto da parte del capitolo della chiesa di S. Maria di Savona (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 500, n. 73). La parrocchia è intitolata alla Beata Vergine Annunziata, possiede due altari: uno maggiore e l’altro intitolato a S. Antonio da Padova, patronato di Tommasini Panaro (1614). Sono registrate già nel 1665 altre tre chiese: la chiesa di S. Rocco, oratorio dei Disciplinanti, la chiesa di S. Anna e la chiesa di S. Onorato. L’oratorio possiede un reddito di un sacco e mezzo di castagne che viene destinato al Monte di Pietà, anche le elemosine raccolte dai Disciplinanti confluiscono nell’opera pia gestita dai priori della Compagnia. La cappella di S. Anna, di proprietà di Enrichetto Panaro, ha una piccola rendita mentre la cappella di S. Onorato non possiede né rendita né cappellano ma è di proprietà della comunità.
La relazione parrocchiale del 1728 ci informa sullo stato delle due chiese campestri. La chiesa di S. Onorato viene interdetta al culto perché diroccata mentre solo la chiesa di S. Anna continua a dare un reddito a Domenico Panaro “di uno staro di grano e fitto di una pezza di terra”. Si tratta di un terreno posto a pian di Forfo in affitto a Michele, figlio di Domenico Panaro (A. S. V. A., Castelletto d’Erro, Parrocchia della S. S. Annunziata, fald. 1, cart. 2, fasc. 1).
Non sembra che la comunità dimostri particolare interesse per gli investimenti in devozione, infatti la chiesa di S. Onorato, amministrata dalla comunità, viene abbandonata.
Le compagnie presenti in parrocchia, quella del SS. Sacramento e del S. Rosario, si riducono, nel 1823, alla sola Confraternita dei Disciplinanti che ha sede nell’oratorio di S. Rocco.
È utile osservare che, già nella prima metà del XVII secolo, a parte il parroco, non sono presenti altri sacerdoti o altri chierici.

Non si riscontra nessuna attestazione dell’esistenza di una comunità organizzata fino al 1324, data dell’accordo stipulato tra il vescovo di Acqui Oddone con gli uomini di Castelletto circa le taglie che questi devono versare (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 722). Ancora nel 1343 si ha notizia di un console e di sindaci comunali in occasione del recupero di Castelletto sotto il controllo del vescovo di Acqui (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 298, n. 292).

Nel 1205 la località è occupata dagli alessandrini per due anni, quando l’intervento di Milano porta a una pacificazione e all’attribuzione del feudo al vescovo di Alessandria (Casalis 1833-56). Tuttavia, verso il 1208, il luogo risulta di pertinenza della chiesa d’Acqui, come sappiamo da una notizia molto vaga circa alcuni diritti, non specificati, di Castelletto e altri luoghi (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 719). Pochi anni dopo (1220 e 1223) è da Castelletto che il vescovo di Acqui Anselmo autentica alcuni diplomi pertinenti la chiesa acquese e dirime una causa tra il capitolo cattedrale e il monastero di S. Pietro di Acqui (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 648, lin. 45; col. 174, n. 162-64).

Nel 1169 alcuni abitanti di Castelletto donano il castello e la città con tutte le pertinenze ad Alessandria (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 68, n. 52); dal documento non risultano né il motivo né se gli otto donatori operino in qualità di rappresentanti della collettività.
Durante il Trecento Castelletto risulta infeudata ai marchesi di Monferrato dal vescovo, sebbene la città e il castello siano spesso occupati da altri signori locali in lotta con quest’ultimo, come nel caso di Alessandro Asinari (1333 ca.): questo fatto provoca un richiamo da parte del vescovo Oddone verso Teodoro, in teoria impegnatosi a difendere la città dai nemici episcopali (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 283, n. 282). Nel 1340 ha luogo una nuova investitura da parte del vescovo a Giovanni del Monferrato, a semplice conferma del più antico legame di dipendenza marchionale verso la chiesa acquese per alcune località (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 288 n. 285). E ancora pochi anni dopo (12 novembre 1343 A. S. T. Corte, fondo Monferrato, mazzo 7) il nuovo vescovo stipula un accordo con i marchesi del Carretto per riappropriarsi del castello e della città di Castelletto, da questi detenuti ingiustamente, nonostante una precedente sentenza arbitrale. Come conseguenza di tale recupero, il vescovo ordina subito agli abitanti di Castelletto di versare esclusivamente alla mensa episcopale ogni tipo di imposta (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 296, n. 291 e col. 298, n. 292). Nel 1383 sempre il vescovo commenda il castello di Castelletto, con la giurisdizione annessa, a Teodoro marchese del Monferrato, trattenendo per sé, tuttavia, il ricavato derivante dai beni della chiesa nel luogo suddetto, ad esclusione di ciò che serve al marchese per la difesa (Moriondo 1789-90, vol. 1, col. 374, n. 355).
Nel 1435 entra a far parte del dominio sabaudo con il trattato di Torino e la sottomissione del marchese di Monferrato al duca (Casalis).
Infine è conservata l’investitura di una porzione del feudo di Castelletto nel documento con in quale il Duca Emanuele Filiberto concede a Bartolomeo Scarampi alcune porzioni di Montaldo, Saleggio, Castelletto, Gorrino, Denice e 1/8 di Roccaverano (9 aprile 1543, A. S. T. Corte, fondo Confini Monferrato).

Castelletto d’Erro, nel 1205, viene conquistata dagli Alessandrini, ma il 9 agosto 1207, in seguito alle spartizioni scaturite dalla pace tra Acqui e Alessandria, ritorna al vescovo di Acqui. Il 2 agosto 1320 in Acqui, il vescovo Oddone investe Castelletto d’Acqui a Giovanni, marchese di Monferrato.
Castelletto è poi nuovamente vittima delle truppe di Alessandro Asinari che lo conquista nel 1332. Il 17 gennaio 1343 Oddone, vescovo di Acqui, presenta a Teodoro, marchese di Monferrato, un richiamo contro Alessandro Asinari per l’occupazione di Castelletto ricordando che il luogo è un feudo monferrino, insieme ai castelli di Bistagno, Castelletto e Roncogennaro (Moriondo, 1789-90). È in questo frangente che il vescovo di Acqui, Guido II, si erge a difensore di Castelletto e fa sentire la sua presenza comandando alla comunità di non versare tributi ad altri se non a lui. Castelletto era infatti conteso dagli Asinari e dai Del Carretto: è documentata una lite giurisdizionale per il possesso di Castelletto tra i Del Carretto di Ponti e gli Asinari. Gli Asinari si assicurano stabilmente il controllo di Castelletto quando, nel 1435, viene annessa al Regno dei Savoia
Nel 1730 viene istituita la provincia sabauda di Acqui attiva fino al 1798. Castelletto seguì le vicende di tutti i comuni della zona adiacente la Val Bormida di Spigno: nel periodo napoleonico, in un primo momento, fu inserito nel dipartimento del Tanaro e, successivamente, nel dipartimento di Montenotte. L’Editto Regio del 27 ottobre 1815 decretò la costituzione della provincia di Acqui divisa in quattro cantoni: Ponzone, Pareto, Bistagno e Roccaverano. Castelletto d’Erro fu inserito nel cantone Bistagno con Montabone, Ponti, Rocchetta Palafea e Sessame. La provincia di Acqui gravitava nella Divisione di Alessandria, ricostituita dal Regno di Sardegna nel 1819, dopo il periodo napoleonico. Il riordino amministrativo del Regno di Sardegna del 1848 fece confluire parte della provincia di Acqui nella provincia di Savona. Castelletto d’Erro rimase stabilmente legata alle sorti di Acqui. A partire però dal 1860, il Regno di Savoia ristruttura nuovamente l’assetto amministrativo della zona e buona parte della provincia di Acqui viene smembrata e distaccata nella provincia di Alessandria. Tra i luoghi di pertinenza della provincia di Alessandria troviamo proprio Castelletto d’Erro.

Bibliografia:

Acqui TermeStatuta vetera civitatis Acquis, ed. critica 1971.

  1. Arata, I mansi di S. Quintino: le origini delle strutture insediative nelle Langhe tra le due Bormide, in <>, C (1991), pp. 85-106.
  2. Balbis, Val Bormida medievale. Momenti di una storia inedita, Cengio 1980.
  3. G. Bigliati, Feudi e comuni nel Monferrato e le vicende storico - giuridiche di Pareto e Pontinvrea, Casale 1897.

Carte dell'archivio comunale di Voghera, Pinerolo 1909 (B. S. S. S. 49, 39, 51, 52).

  1. Chabrol de Volvic, Statistique des provinces de Savona, d’Oneille, d’Acqui et de partie de la province de Mondovì, formant l’ancien département de Montenotte, Paris 1824 (2 vol.).
  2. Fontana, Bibliografia degli statuti dei comuni dell’Italia superiore, Torino 1907 (3 vol.).
  3. Guasco di Bisio, Dizionario feudale degli antichi Stati Sardi e della Lombardia, Pinerolo 1911 (B. S. S. LV).
  4. Manno, Il patriziato subalpino. Notizie di fatto, storiche, genealogiche, feudali e araldiche desunte de’ documenti, Firenze 1859-1906.
  5. Merlone, Sviluppo e distribuzione del patrimonio aleramico (sec. X e XI), in <>, XC (1992), pp. 635-689.
  6. Murialdo, La fondazione del “burgus Finarii” nel quadro possessorio dei marchesi di Savona, o del Carretto, in <>, n. s. XL (1985), nn. 1-3, pp. 32-63.
  7. Origone, Un’unità territoriale bizantina: il basso Piemonte nel secolo di Giustiniano, in Atti del convegno: Gavi tredici secoli di storia in una terra di frontiera, Gavi 2000.
  8. Pavoni, L’organizzazione del territorio nel Savonese: secoli X – XII, in Le strutture del territorio fra Piemonte e Liguria.
  9. Provero, Dai marchesi del Vasto ai primi marchesi di Saluzzo. Sviluppi signorili entro quadri pubblici (secoli XI-XIII), Torino 1992 (B. S. S. CCIX).
  10. Savio, Gli Indiciaggiunte e correzioni, in G. B. Moriondo, Monumenta aquensia(rist. anastat.), Bologna 1967, parte III.
  11. Soldi Rondioni, Il Monferrato. Crocevia politico, economico e culturale tra Mediterraneo ed Europa, Atti del convegno internazionale, Ponzone, 9-12 giugno 1998, Ponzone 2000, pp. 15-56.
  12. Torre, Il consumo di devozioni. Religione e comunità nelle campagne dell’Ancien Régime, Venezia 1995.